Tragico incidente a Nettuno in provincia di Roma dove un bambino di appena 2 anni annega in uno stagno vicino a casa: per lui inutili i soccorsi. La polizia che ha raggiunto la casa sta ancora valutando le mimiche dell’incidente ma il piccolo è morto per annegamento nello stagno presente a pochi passi dal giardino della sua casa. Il magistrato potrebbe accusare i genitori di mancata sorveglianza.

Probabilmente il piccolo era in giardino ed è riuscito per qualche minuto a sfuggire al controllo degli adulti presenti nella villetta raggiungendo uno stagno non segnalato poco distante dalla casa, ci è finito dentro senza più riuscire a uscirne.

A ritrovare il bimbo senza vita è stato il padre che ha visto il figlio galleggiare nella pozza d’acqua. L’uomo ha provato prestare i primi soccorsi per salvare il bambino ma senza successo. Sul posto sono intervenuti immediatamente i Vigili del Fuoco e l’elisoccorso della Croce Rossa, ma per il piccolo non c’è stato nulla da fare.

Questo è il secondo caso in poco tempo di annegamento per bambini molto piccoli, un mese fa un episodio simile era successo in provincia di Perugia ma in quel caso i soccorsi erano riusciti a salvare il bambino trasportandolo d’urgenza all’ospedale Meyer di Firenze.