Un carabiniere è stato ucciso a coltellate nella notte a Roma. La tragedia è avvenuta poco dopo le 3 del mattino in via Pietro Cossa, quartiere Prati. La vittima è Mario Cerciello Rega, 35 anni, vice brigadiere. L’aggressione è capitata mentre il carabiniere stava cercando di fermare due rapinatori che avevano borseggiato una donna. Il furto era avvenuto verso sera e la donna aveva subito dopo provato a chiamare il suo numero di cellulare nella speranza di poter recuperare la borsa con i documenti e le chiavi di casa.

A rispondere al telefono sono stati, però, i due rapinatori che hanno provato ad estorcere del denaro alla donna. All’appuntamento prefissato con i malviventi, la donna non si è presenta da sola ma bensì in compagnia di due carabinieri. Una volta incominciato lo scambio, i carabinieri sono prontamente intervenuti per bloccare i rapinatori, due nordafricani.

Purtroppo, da questa azione ne è nata una colluttazione. Nel tentativo di scappare, uno dei rapinatori ha estratto un coltello ed ha iniziato ad infliggere una serie di coltellate a Mario Cerciello Rega che si è accasciato a terra. Nonostante il pronto intervento dell’autoambulanza, per il vice brigadiere non c’è stato molto da fare. Trasportato d’urgenza al Santi Spirito, è morto poco dopo. Le ferite causate da ben 7 coltellate erano troppo gravi per intervenire.

A Roma, adesso, è caccia all’uomo che ha commesso questo omicidio.

Mario Cerciello Rega lascia una moglie con cui si era spostato appena 43 giorni fa. L’Arma dei Carabinieri ha poi lasciato un messaggio di cordoglio su Facebook per ricordare il suo appuntato morto mentre faceva il suo dovere.