Il Ministro dell’Interno e vicepremier Matteo Salvini insiste sulla flat tax e, ospite di “Quarta Repubblica”, fa un annuncio importante:

Stiamo studiando la flat tax fino a un reddito familiare di 50mila euro. Se sei sotto una certa soglia paghi il 15% di tasse, uguale per tutti. La sperimentazione dall’anno prossimo.

Il Ministro del Lavoro e vicepremier Luigi Di Maio, però, avverte:

Deve aiutare famiglie e ceto medio, non i ricchi.

Il primo passo, dunque, sarà quello di una tassa piatta al 15% solo per le famiglie con un reddito fino a 50mila euro e per i lavoratori dipendenti: l’obiettivo è ridurre il carico fiscale aiutando soprattutto il ceto medio, quello più colpito dalla crisi degli ultimi anni. Di Maio ha sottolineato più volte di volere una flat tax che aiuti i più disagiati: per questo motivo è impegnato a trovare un accordo con Salvini, che vada bene alla Lega, alleato di governo.

Una misura che potrebbe costare fino a 12 miliardi di euro e che difficilmente potrà essere inserita nella manovra. Bisognerà trovare anche 23 miliardi per scongiurare l’aumento dell’Iva.

Alcune di queste decisioni potrebbe essere prese già nelle prossime ore e nulla, al momento, può essere escluso.