Continua il pugno duro del Governo contro lo spaccio di stupefacenti. A parlarne è il vicepremier e Ministro dell’Interno Matteo Salvini, raggiunto dai microfoni di “W l’Italia – Oggi e domani”, trasmissione di Rete 4 in diretta dalla Sardegna, dove ha parlato anzitutto della situazione a San Lorenzo, a Roma, dove è morta la giovane Desirée Mariottini:

Abbiamo in prefettura date e tempi precisi di intervento in tutti i quartieri di Roma: settimana prossima torniamo a la Romanina ad abbattere un’altra villa confiscata ai Casamonica, e poi sarà l’ora della Tiburtina, e stiamo preparando anche un intervento di ”pulizie di primavera” anche se siamo ad autunno, a San Lorenzo. Vogliamo restituire ai romani, e più in generale agli italiani, pezzi di città che da troppi anni sono in mano a delinquenti, balordi e spacciatori. Ci ritroviamo entro fine anno, e vedrete cosa abbiamo combinato.

Sul suo rapporto con Luigi Di Maio, leader del Movimento Cinque Stelle, Salvini ha spiegato:

Ci può essere qualche confronto e qualche discussione parlamentare, ma il rapporto umano secondo me viene prima di tutto: con Luigi Di Maio e Giuseppe Conte è un rapporto squisito, perché ho trovato due persone leali, coerenti, oneste e positive. Poi è chiaro che tra Lega e 5 Stelle, ci possono essere divergenze. Se dipendesse da me, questo governo andrà avanti fino alla fine.

Infine il vicepremier ha chiesto rispetto all’Ue:

C’è un limite alla pazienza, ma non di Matteo Salvini, a me possono dire di tutti i colori. Io in questo momento ho l’onore e l’onere di rappresentare 60 milioni di italiani, e nessuno pagato dagli italiani si può permettere di dare degli arraffoni e dei mentecatti. Chiedo rispetto!