Ultimatum: 24 ore per sgombrare piazza Taksim e Gezi Park ad Istanbul. La polizia interverrà ancora duramente. L’incontro fra il premier turco Erdogan e alcuni rappresentanti degli oppositori è stato del tutto inutile. Il governo ha proposto un referendum sul progetto di Gezi Park, l’elemento che ha fatto da pretesto per scatenare la rivolta. Il governo vuole abbattere i 600 alberi del parco e costruirvi una moschea ed un centro commerciale. Ma in cambio del referendum Erdogan ha imposto la condizione dello sgombero. Gli oppositori continuano nell’occupazione (foto by InfoPhoto).

Nei 14 giorni trascorsi da quando è cominciata la rivolta, sono morte finora cinque persone. Violenti scontri sono avvenuti anche la scorsa notte, come si può vedere nel filmato qui sotto.

E continua anche la diffusione della protesta attraverso i social network. Qui sotto l’aggiornamento live su Twitter. Hashtag: #occupygezi.

//