È una vicenda quasi surreale quella che viene dal Birmingham, nel Regno Unito, dove un giovane disoccupato, adesso accusato di violazione di proprietà privata e vilipendio di cadavere, si sarebbe introdotto di nascosto all’interno di un’agenzia di pompe funebri e così avrebbe fatto sesso con un cadavere che ancora doveva essere riposto nella bara. Questa l’accusa mossa a un 23enne subito arrestato dalla Polizia.

La notizia ha fatto il giro del mondo

A incastrarlo la prova del DNA: secondo l’accusa, sarebbe stato lui a fare sesso con un cadavere all’interno dell’agenzia funebre. I fatti si sono verificati a Walsall Road, nella zona di Great Barr. Una notizia che ha fatto scalpore e che, di conseguenza, ha fatto il giro del mondo, dopo essere stata riportata dai media inglesi.

A confermare l’arresto del ragazzo è stato un portavoce della Polizia che ha spiegato:

L’episodio risale a domenica 11 novembre, mentre il 23enne è stato fermato pochi giorni dopo e il 21 novembre si è svolta la prima udienza, al termine della quale è stato confermato l’arresto.

Insomma, dal sesso prima del matrimonio al sesso sulla piramide (come vi abbiamo documentato pochi giorni fa e come emerge da un video pubblicato su YouTube) fino al sesso con un cadavere.