Ha dell’incredibile quanto accaduto a Polizzi Generosa (Palermo) dove il sindaco rischia di essere indagato per aver riparato gratuitamente una strada interrotta da 13 anni. Giuseppe Lo Verde, questo il suo nome, aveva chiamato a raccolta una squadra di operai che avevano dato la loro disponibilità a riparare una strada chiusa da ben 13 anni tra Polizzi e Piano Battaglia, nelle Madonie. Erano passati dalle parole ai fatti. Si erano rimboccati le maniche e, da buoni cittadini, avevano dato una mano. Senza percepire un euro.

Quei lavori, però, non erano stati autorizzati e così la Città metropolitana ha fatto scattare una denuncia contro ignoti (ma è chiaro il riferimento al sindaco, autore di questa iniziativa). Queste le sue parole a Repubblica:

La necessità di ripristinare il collegamento stradale deriva dal fatto che è l’unica via rimasta ai proprietari di terreni per raggiungere le proprie abitazioni rurali. Vogliono bloccarmi mettendomi paura, ma non faccio silenzio. A chi ha firmato la denuncia voglio ricordare che lo scorso tre aprile abbiamo fatto avere via Pec al sindaco della città metropolitana un’ordinanza sindacale con la quale si disponevano provvedimenti di massima urgenza sulla strada. Nell’ordinanza si diceva che avevamo ricevuto disponibilità da sei ditte locali a eseguire i lavori senza alcuno aggravio per il Comune.

Non ha dubbi il primo cittadino:

Ritengo la denuncia un atto contro di me. È un atto contro il sindaco di Polizzi Generosa che in questi mesi ha alzato la voce contro chi avrebbe dovuto riparare la strada e da anni non ha fatto niente. Vogliono zittirmi. Vogliono mettermi paura. Ma non mi spaventano. Chi in questi anni non ha eseguito i lavori, oggi non può per nessun motivo nascondere l’inefficienza dietro una denuncia contro anonimi.