Prezzi molto differenti e piuttosto elevati nelle città universitarie italiane

L’Anno Accademico 2012-2013 ripropone gli stessi problemi di ogni anno agli universitari fuori sede, impegnati nella ricerca di annunci e prezzi per trovare una camera o un appartamento in condivisione. Le difficoltà non mancano e neppure le offerte mancano, in particolare nei siti specializzati in questo tipo di pubblicità. Ma le differenze fra una città e l’altra possono essere anche significative, per quanto riguarda i prezzi medi di affitto.

Considerando le sedi dei principali atenei, secondo i dati di EasyStanza.it, Lecce e Palermo sono le città universitarie più economiche con un affitto medio mensile intorno ai 180 euro. Milano e Roma,invece, risultano essere le città più care d’Italia con una media mensile di 450 euro, seguite subito dopo da Firenze e Siena, con affitti medi rispettivamente di 380 e 340 euro al mese. I costi per una stanza in queste città possano raggiungere livelli davvero alti, superando in alcuni casi gli 800 euro al mese.

I prezzi di affitto medi mensili, distribuiti per aree geografiche
Affitti compresi tra 200 e 299 euro al mese sono applicati in numerose città italiane: al sud troviamo Bari, Cagliari, Catania, Foggia, Messina e Sassari, al centro Ancona e Perugia, e infine al nord Brescia, Padova, Trieste e Udine.

Nella fascia di prezzi appena superiori, intorno ai 300 euro al mese, la localizzazione delle città con questi affitti medi mensili si sposta però di nuovo nettamente verso il centro-nord, con l’eccezione di Napoli: a Bergamo, Bologna, Genova, Pisa, Torino e Venezia.

Questi i dati pubblicati sul sito easystanza.it e periodicamente aggiornati nella sezione dell’Affittometro. È un servizio in più a beneficio degli studenti, che possono così avere informazioni precise sui livelli di affitto nelle principali città italiane e quindi possono disporre di uno strumento in più per valutare le proposte disponibili e accettabili per le loro finanze.