Continua a tremare l’Albania che sabato era stata scossa da un forte terremoto di magnitudo 5.8, con un epicentro a 34 chilometri dalla capitale e con ipocentro 10 chilometri di profondità. Un sisma che si era percepito distintamente anche in Puglia. Il bilancio è attualmente di oltre 100 feriti, secondo le fonti del Governo albanese. A causa del forte sisma, molte case sono state lesionate. Ci sono stati anche diversi crolli, soprattutto nei pressi dell’epicentro, in particolare nei paesi tra Tirana e Durazzo.

Proprio i calcinacci caduti dalle abitazioni sarebbero tra le cause del ferimento di alcune persone che sono state colpite mentre scappavano dalle case. I crolli hanno danneggiato anche diverse auto che erano parcheggiate sotto le abitazioni.

Secondo le autorità, il sisma che ha colpito l’Albania è stato il più forte degli ultimi 30 anni. A seguito del terremoto sono state subito mobilitate le forze dell’ordine e della protezione civile che sono andate in soccorso della popolazione. Per i cittadini a disposizione anche un numero di emergenza.

Il Governo italiano ha voluto da subito offrire la sua collaborazione ed il suo aiuto all’Albania. Come ha sottolineato il premier del Paese Edi Rama, il premier Italiano Giuseppe Conte ha offerto subito pieno sostegno dell’Italia per fare fronte alle conseguenze del sisma.

Il premier albanese ha poi ricevuto anche altre manifestazioni di sostegno da parte del presidente francese Emmanuel Macron e da parte di altre leader politici dell’Unione Europea.