Ha prima ucciso l’ex moglie mentre si esibiva in un Karaoke a Savona, la fuga e infine si è costituito al carcere di Sanremo per l’omicidio di Deborah Ballesio. Finisce così la fuga di Domenico Massari, colpevole di aver ucciso l’ex moglie con 5 colpi di pistola dopo averle chiesto “ti ricordi di me?”.

Durante la sparatoria nel ristorante l’acquario di Savona ha perso la vita la 39enne Deborah e sono rimaste ferite  3 persone fra cui una bambina colpita di striscio. Il 54enne Domenico “Mimmo” Massari, con un passato ai margini della legalità, si è armato di una pistola  e ha deciso di uccidere l’ex compagna che tanto odiava. Lei lo aveva eliminato dalla propria vita, non potendo più sopportare sopraffazione, cattiveria e violenze.

L’uomo da anni aveva un comportamento minaccioso verso la donna. Nell’agosto del 2015 l’uomo dette fuoco al locale di lap dance ‘Follia’ di Altare, gestito dalla moglie. L’episodio era avvenuto dopo una serie di liti e molestie che gli erano costati un patteggiamento a tre anni e due mesi per danneggiamenti e stalking e il divieto di avvicinarsi alla donna.

Dopo la sparatoria l’uomo era scappato a piedi e aveva fatto perdere le proprie tracce, la Polizia aveva diramato un ordine di cattura su tutto il territorio nazionale e nella regione Liguria erano stati attivate le procedure per poter rintracciare l’uomo.

Domenico Massari, colpevole del femminicidio di Deborah, si è costituito nel carcere di Sanremo intorno alla mezzanotte di Domenica.